sabato 23 gennaio 2010

FULVIO TOMIZZA l'abate Roys e il fatto innominabile

libro in buono stato, ex prestito bibliotecario (segni di etichetta incollata). peso gr.350, pagg. 162, copertina rigida con sovracoperta - Ed.. Bompiani - € 2.00


Qual'è il fatto ignominioso di cui si sarebbe macchiata la giovane popolanaCecilia dei Facchi e che mette in agitazione l'intera zona di Portogruarosenza che nessuno abbia l'ardire di raffigurarselo? E perché ad accusare laragazza presso il vescovo Querini, sino a spingerlo all'azione giudiziaria, èproprio l'amante di lei, Alessandro Roys, abate di Summaga, nemico acerrimodel presule di Concordia? In un Veneto al confine col Friuli della fine delCinquecento popolato di ruffiane e fattucchiere, trafficanti di anime e corpi,prelati di bassa spiritualità, spulciando tra antichi documenti si inserisceTomizza per raccontarci gli intrighi di un mercante senza scrupoli pervenutoalla guida di una decaduta ma ancor ricca abbazia benedettina.

Nessun commento: